Il popolo dei “senza voce”, elogio della maggioranza silenziosa

Per oltre sessant’anni in Italia, a partire dal dopoguerra e fino agli ultimi giorni della prima Repubblica, ad ogni elezione politica l’indistinto ‘popolo’ democristiano usciva dal ‘sonno’ e si materializzava alle urne facendo vincere la Dc. Nonostante, puntualmente, i sondaggi dell’epoca le attribuivano una sconfitta sicura. Quasi nessuno del campione intervistato, in sostanza, dichiarava il suo gradimento per il grande partitone, anzi, le rimostranze parevano indicare sempre un imminente cambio dell’orientamento politico del Paese. Eppure, ogni volta, a scrutinio ultimato il primo partito era sempre lo stesso. Erano incapaci gli statistici, oppure esisteva, così come ai nostri giorni, una variabile imponderabile tanto da sfuggire a qualsiasi studio analitico delle tendenze elettorali? Ebbene sì, esiste. E’ la “maggioranza silenziosa” che sempre determina gli esiti del voto ed è poco propensa a rispondere ai sondaggisti, si guarda intorno in cerca di certezze e tranquillità detestando l’avventura. In gran parte si tratta di ceto medio conservatore o popolino comune, principalmente stanziale fuori dalle grandi città, convintamente favorevole all’ordine, alla sicurezza e alla proprietà privata, concetti fondanti delle società capitalistiche occidentali. Sono loro in linea di massima che, pur non facendo sentire la propria voce, determinano le sorti di un governo, di una leadership e degli assetti politici dello Stato in cui vivono. E’ storia. Eppure, questa enorme fascia di cittadini, continua ad essere un fantasma per la maggior parte delle forze politiche che si contendono la guida dei governi nazionali.  Tutti ad inseguire con parole d’ordine standardizzate gli umori del popolo più arrabbiato, delle espressioni più radicali di disagio sociale, al fine di una ipotetica conquista del potere senza uno straccio di programma che non sia il risentimento verso le élite, o più genericamente i “padroni del mondo”. Inevitabile, poi che capitino le sorprese. La “maggioranza silenziosa” esce allo scoperto, si materializza inaspettata e determina gli esiti di partite politiche che si davano per scontate. E a vincere è sempre, o almeno lo è stato finora, la cosiddetta moderazione. Anche quando non si è recata alle urne, un fenomeno costantemente in crescita in quasi tutti i paesi europei, Italia in testa. Il 4 dicembre, tanto per restare a casa nostra, ha dimostrato nella maniera più limpida la forza del variegato mondo dei ‘senza voce’ che hanno fatto blocco mandando un messaggio esplicito all’allora premier Renzi, vale a dire: qui non si tocca niente se prima non è definito cosa ci aspetta per il futuro visto che si continua a far fatica ad arrivare a fine mese, la disoccupazione soprattutto giovanile galoppa e non sembra esserci alle viste la famosa “luce in fondo al tunnell”. Insomma, meglio il sicuro per l’incerto. Un classico del moderatismo di tutto il globo. Si attendono narrazioni finalmente nuove in grado di suscitare entusiasmo, fiducia, voglia di schierarsi. Non è chiaro se a Matteo Renzi sia servita la lezione, certo essersi rassegnato a far proseguire la legislatura affidata al mite (?!) Gentiloni, è un segnale di ravvedimento. Aver capito di dover mettere mano al partito, prima riconquistandolo, poi riorganizzandolo intorno alla sua rinnovata leadership significa credere di potere offrire un riferimento certo a un popolo per definizione senza casa che chiede fatti e poche chiacchiere. La sfida, dunque, per sconfiggere i vari populismi è trovare la formula che metta insieme le esigenze degli elettori moderati, quelli del riformismo liberale sia di sinistra che di destra, finalmente guardando oltre il novecento. In Francia Macron sembra abbia trovato il bandolo della matassa –  certo, stando a quel che indicano i famigerati sondaggi – mollando il partito socialista, di cui era una giovane promessa, intestandosi la battaglia di normalizzazione nei confronti di una globalizzazione sempre più famelica e feroce mettendosi al servizio dei cittadini e non di una ideologia . Saprà fare lo stesso il giovane ‘fenomeno’ di Rignano? Il mondo corre, se ne è capace, meglio che faccia in fretta.

Annunci

Pd, Bassolino e il ruggito del vecchio leone

Ha deciso di restare nel Pd e dare battaglia fino al suo “ultimo filo di voce” ricompattare intorno a se il cittadino comune, il popolo dei mercatini rionali e dei padri di famiglia che stentano ad arrivare a fine mese, della vecchia base operaia di cui è stato sempre punto di riferimento, degli intellettuali ritiratisi a vita privata, oltre quella parte numerosa della migliore borghesia napoletana che è rimasta finora ad assistere impotente alla deriva paranoica e plebiscitaria di un sindaco “guascone” e inconcludente che sta precipitando la città verso l’abisso. Antonio Bassolino è tornato più determinato che mai ad occupare lo spazio politico lasciato vuoto dall’inconsistenza del suo partito, frammentato in micro correnti specchio viziato delle divisioni interne nazionali, restando renziano “critico”, proponendosi testa di ponte a sinistra (ciò che serve al giovane uomo di Rignano nella sua corsa alle primarie del 30 aprile) non solo a livello locale e creando un suo personale network di lavoro (Carlo Porcaro sul Mattino l’ha battezzato come nuova corrente)  che fa capo alla Fondazione Sudd di cui è presidente. Mai momento fu più propizio per lanciarsi nella bagarre e giocarsi le proprie carte da protagonista del ‘tavolo’ e non da comprimario come hanno tentato di ridurlo trascurandone la tenacia. Tutto torna, ed è difficile da contraddire. Aveva previsto già nel 2011 la deriva cui stava consegnandosi il partito a Napoli, quando, inascoltato, sottolineò  il pericolo di primarie indette per disputarsi le spoglie del suo quasi ventennale sistema di potere, proponendo un accordo bonario su un “papa nero”  che, se pur destinato a perdere, avrebbe almeno tenuto botta arrivando a disputare il ballottaggio. Non fu preso in considerazione, complici anche le vicissitudini giudiziarie da cui è uscito poi immacolato, e finì come tutti sanno: la città in mano ad un folle “proto borbonico-giacobino” che sta procurando più danni di quanti quel 60% di napoletani che si sono astenuti dal voto nelle ultime due consultazioni amministrative potevano mai immaginare. Aveva avvertito, pazienza. D’altronde da Roma non è stato mai fatto mistero di voler fare a meno del suo contributo fino a coalizzare tutte le consorterie locali interne contro la sua candidatura alle ultime primarie perse, poi per una manciata di voti e un lungo strascico di polemiche e carte bollate.  Il risultato? Un disastro. Partito fantasma, Napoli in preda alla più totale anarchia e nessuno che sembri avere le stimmate per porvi rimedio. Tranne che affidarsi nuovamente a lui, il sindaco del “Rinascimento napoletano”, così come ancora adesso nel mondo ( e non è un’esagerazione) è ricordato. Una opportunità per Renzi, impegnato in una difficile dimostrazione di forza della sua leadership, di dare seguito a quel “noi” propugnato al Lingotto facendo fede sul sostegno di personalità politiche affidabili, esperte e dall’assoluto carisma . E Bassolino è uno di questi per buona pace dei suoi detrattori. Lo ha dimostrato proprio nel corso della campagna elettorale per le primarie e nella successiva fase di metabolizzazione della mortificante sconfitta, dove quotidianamente sui social e su tutti i media pronti a riportarne ogni sospiro, ha pungolato, criticato e dettato la linea, benché  avversata con i risultati che sappiamo. Il vecchio leone ruggisce, impossibile non prestargli attenzione. Sarebbe fatale.

Indagine Consip, tutto già deciso: Renzi out, Italia salva!

E’ tutto un brutto film già visto, segno che il Paese non riesce proprio ad uscire fuori dal suo incubo, paralizzato dalla paura del cambiamento. Il ‘grumo’ di potere insediatosi ai vertici dello Stato con a capo Renzi e votato alla rottamazione del passato, non ha retto alla controriforma delle piccole e grandi consorterie politiche, economiche, delle professioni, della burocrazia, del mondo della rappresentanza istituzionale e, infine, della magistratura le quali hanno sferrato un attacco a tutto campo dagli esiti nefasti se l’offensiva dovesse andare a buon fine. Per Renzi è proprio un brutto momento, sta scontando a caro prezzo gli effetti degli errori nei tre anni in cui la sua leadership ha raggiunto l’apice. Soprattutto l’incapacità di mediazione, forse voluta, ma che ha prodotto un brillante isolamento quando poi si è arrivati al dunque: la sopravvivenza sua, o quella di tutti gli altri della giostra. Il duro colpo del referendum perso in malo modo, anche attribuendo a se stesso ottimisticamente il 40% dei favorevoli alla riforma, è stato il primo avvertimento, cui ha provato a reagire con il colpo di teatro delle dimissioni lampo da capo del governo. In realtà una mossa che i suoi avversari hanno saputo sfruttare a proprio favore, prendendo tempo e ponendo in discussione l’esistenza stessa del partito di cui è segretario. Scissione inevitabile, come era nell’ordine delle cose, e sommovimenti interni alla maggioranza con i capi corrente decisi a ridiscutere assetti dell’organizzazione e addirittura la stessa leadership. Che sembra avere ancora in pugno, ma che comincia a mostrare qualche crepa, quando, per arrivare a questi giorni,piomba sulla scena quella che ha tutta l’aria di essere un Armageddon per l’ex premier. L’immancabile indagine di una procura che, senza tirarlo in ballo direttamente, agita le manette tra il suo più stretto entourage, in particolare puntando al fedelissimo Luca Lotti, attuale ministro dello Sport con importanti deleghe e, addirittura il padre, Tiziano, tratteggiato dalle cronache dei giornali come un “intrallazziere” senza scrupoli, irresponsabile al punto da farsi responsabile principale della disgraziata fine della carriera politica del figlio. Ben presto gli accertamenti dei magistrati sono usciti sottoforma di indiscrezioni, ma questa non è una novità,  così come presto sono diventati argomenti dirimenti, dimentichi di altri problemi più urgenti, per i palazzi della politica, delle redazioni di giornali, Tg e Talk show televisivi. Da tutte le parti richieste di chiarimento, minacce di sfiducia al Ministro, mentre il segreto istruttorio può andarsi a fare benedire e un eventuale processo è pressoché inutile da celebrare per quelli cui non è stato ancora formulato nessun addebito e accusa specifica. L’obiettivo è chiaro: “Renzi non poteva non sapere”. Il cerchio si chiude. L’Italia, così come l’abbiamo sempre conosciuta è salva. Fino al prossimo giro.