Processo Mediaset, Berlusconi ‘sereno’: comunque vada sarà un successo

Il verdetto non arriverà oggi ma, con ogni probabilità, domani o al massimo giovedì mattina, e comunque vada sarà un successo. Il Cavaliere è in una botte di ferro. Qualsiasi sarà la decisione dei giudici della suprema corte, ne uscirà vincitore e continuerà a tenere in mano il pallino del gioco, obbligando tutti come sempre a stargli dietro. Anche nel caso dovesse essergli confermata la condanna e l’interdizione ai pubblici uffici. Cosa volete che gliene importi ad un uomo di 78 anni padrone di un impero finanziario e soprattutto di un partito personale di cui vuole sbarazzarsi per dare vita ad un’altra formazione da combattimento liberata dai fronzoli ‘politichesi’, dall’essere in prima persona esposto nell’agone. Resterà padrone a prescindere, potendo inoltre interpretare la parte in commedia che gli riesce meglio, del perseguitato, dell’uomo solo contro tutti. Vittima dell’invidia e della ferocia comunista che lo vuole morto. Dedicarsi ai suoi affari potendo continuare a condizionare la vita politica italiana, non sarebbe poi una cattiva condizione. Certo, resterebbe la macchia della condanna penale, ma è l’ultimo dei problemi per uno che è padrone di giornali e televisioni con i quali ha cambiato in un trentennio l’antropologia del Paese. Non parliamo poi se i giudici dovessero optare per una soluzione soft, costretti dalle pressioni mediatiche a una riflessione anche extragiudiziara della vicenda, accogliendo in maniera parziale il ricorso della difesa con rinvio in Appello per un nuovo esame. La frode fiscale del 2002, infatti, si prescriverebbe subito, quella del 2003 a settembre 2014. Non solo: se nel nuovo processo di Appello la pena venisse rideterminata sotto i tre anni, allora sarebbe esclusa l’interdizione dai pubblici uffici. Meglio di così solo un’assoluzione completa, il terzo dei possibili verdetti attesi dalla Cassazione, potrebbe far gridare al “Bingo”. E’ comunque chiaro in questo scenario che, qualunque sarà l’esito, il governo guidato da Letta non subirà nessuna delegittimazione, almeno da parte sua. Spetterà al Pd, che per questo è già in crisi di panico, eventualmente staccare la spina. Per ora è troppo importante per l’ex premier non rompere gli equilibri istituzionali che tanto bene stanno facendo alle sue aziende. Mediaset vola in borsa dal giorno dell’insediamento dell’esecutivo e a spingere il titolo del Biscione in questi giorni, anche la pace siglata con Rupert Murdoch, ottenuta grazie al suo impegno personale nella trattativa sul nuovo canale Fox sport che gestiranno insieme in Italia. Era da tempo che non si vedeva una performance della holding a livelli così alti di redditività per la sua famiglia e i propri azionisti. Ai fedelissimi che lo hanno sentito in queste ore ha ribadito la linea della responsabilità: niente colpi di testa. Le minacce lanciate in questi giorni dai cosiddetti “falchi” del partito, dunque, lasciano il tempo che trovano, sono servite a far rumore e spaventare l’opinione pubblica con tutto quello che ne consegue. Fra qualche giorno, c’è da giurare, si suonerà un’altra musica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...